Plastica? No grazie!!

da Viaggioltreillimite

2 Settembre 1990

Questa data ai più non dirà molto, ma in realtà è una data che ha spaventato tante persone.

Il 21 agosto 2019 è stato ritrovato su una  spiaggia dell’isola d’Elba un pacchetto di patatine che riportava quella data di scadenza e, nonostante il colore sbiadito, questo involucro è riuscito a compiere 29 anni.

Oh my God!!!

Purtroppo il problema della plastica vive nel nostro quotidiano da ormai diversi anni. Ho deciso da diverso tempo di fare la raccolta differenziata e molto spesso mi sento dire:

Il mondo non diventerà più pulito se solo tu fai la differenziata. Certo che no! Ma credo che sarebbe bello se tutti avessimo la premura di salvaguardare IL LUOGO che ci ospita e ci permettere di vivere,

perchè ricordiamoci sempre che noi siamo ospiti.

La mia città, Torino, ha sempre messo a disposizione bellissimi “Torelli” che erogano acqua potabile 7 giorni su 7, h24. Una manna dal cielo per i cittadini e i turisti soprattutto in giornate di caldo. Da diversi anni in alcune zone delle città, ma anche nelle province, sono stati installati dei “Punti d’acqua” che erogano acqua naturale e frizzante al costo di € 0,05 al litro, dando la possibilità di riempire bottiglie o borracce senza utilizzare quelle di plastica, un ottimo servizio direi!

Nel 2018 è stato calcolato un consumo minore di bottiglie di plastica pari a 1 milione. Eppure se guardiamo le statistiche mondiali, questo è un numero davvero piccolo.

Sapete qual è il vero problema?

La mancata educazione e cultura che del genere umano.

Tutti noi siamo stati almeno una volta ad un concerto; ormai il vetro non viene più distribuito e le consumazioni vengono consegnate in bicchieri di plastica, che danno il via allo scenario più deprimente di sempre. A fine concerto, per terra o sui prati, distese di bottiglie di plastica giacciono abbandonate. ” Tanto c’è chi è pagato per raccoglierle!“, questa è risposta più comune che mi sento dire.

Ma perché è cosi difficile essere civili?

In mare la plastica regna sovrana insieme ai nostri amici pesci. Non dovrebbe stupirci che molti pescatori trovino resti di plastica nello stomaco degli abitanti del mare. La plastica sta uccidendo i pesci e sta rovinando intere spiagge ogni giorno. Quando finalmente capiremo che la plastica porterà il pianeta a trasformarsi in una trappola per l’uomo sarà troppo tardi.

Fortunatamente esistono molte associazioni che cercano di sensibilizzare le persone sull’utilizzo ridotto di questa materia, volontari che danno il loro contribuito raccogliendo i rifiuti per terra.

Portatevi sempre con voi una borraccia di alluminio e, se siete viaggiatori che amano lo street food, acquistate delle posate pieghevoli, per evitare così di utilizzare quelle in plastica fornite spesso dai ristoratori.

Piccoli accorgimenti per grandi persone.

Fare la differenziata è un atto d’amore verso la nostra Madre Terra.

Se siete in vacanza o semplicemente a passeggio, se notate della plastica per terra, raccoglietela. E’ vero non siete stati voi, ma servirà da esempio.

Siamo sempre bravi a lamentarci, ma se cominciassimo ad agire, le parole assumerebbero un maggiore significato.

Lascia pulito come hai trovato, che sia un parco, il vagone del treno o il cinema: rispetta chi verrà dopo di te.

L’ultimo libro che ho letto si intitola “Come una notte a Bali di Gianluca Gotto.

Scrittore, Blogger, Viaggiatore …. una persona che ha fatto della sua vita un motivo per essere felice.

Nel suo racconto cerca di sensibilizzare l’utilizzo della plastica in viaggio.

Prova a comportarti come un viaggiatore, non come un turista.

Questa è la frase slogan che porterò con me nei miei prossimi viaggi. Grazie a lui ho scoperto un app che ti aiuta a trovare i punti acqua in giro per il mondo, si chiama RefilMyBottle, creata da un giovane francese, sensibile al consumo della plastica. Questa app utilissima per chi ama viaggiare in maniera ecologica, ti permetterà di riempire le tue bottiglie o borracce ogni volta che lo desideri e ti indicherà quante bottiglie di plastica hai evitato di usare, contribuendo così a salvare il pianeta. Inoltre puoi indicare un punto acqua sconosciuto alla app, segnalando la posizione con la possibilità di inserire una foto. Questo inserimento ti permetterà di “acquistare” dei punti, che potrai convertire in sconti per delle consumazioni /cibarie, presso i locali che aderiscono a questa app.

Proviamo a fare di questi piccoli accorgimenti un motto per contribuire alla salvezza dell’ecosistema in cui viviamo.

Questo è un viaggioltreilimite perchè dobbiamo cominciare a credere che nel nostro piccolo, possiamo contribuire a fare grandi cose. Le nostre azioni identificano chi siamo realmente e, con le nostre azioni, possiamo rendere il luogo in cui viviamo un piccolo paradiso terrestre.

JOIN THE #REFILLUTION

Save the World

Save Your future

Un caloroso abbraccio da Viaggioltreillimite

Lascia un commento