Tromso: cosa vedere, dove dormire e l’aurora boreale

da Viaggioltreillimite

Questo è un viaggio organizzato da un gruppo di 6 amici, dal 7 al 10 marzo 2018, destinazione Tromso.
Questa città sta ben oltre il Circolo Polare Artico e per molti è definita la capitale della Lapponia, ma sopratutto un luogo perfetto per chi va alla ricerca di uno spettacolo unico…l’Aurora Boreale. Fin da subito questa città mi ha colpito per la sua bellezza, per le sue case variopinte e per i suoi paesaggi tipicamente nordici.

Al nostro arrivo, dopo un breve giro di perlustrazione, ci dirigiamo verso la parte collinare della città salendo tramite la funivia, fjellheisen. Il tempo di arrivare in cima che quell’incontro tanto voluto quanto desiderato, ci stava aspettando… eccola finalmente l’Aurora Boreale. Si proprio lei, quello spettacolo di luce verde che si muove nel cielo, tanto da lasciarti incantato nonostante le temperature polari. Il giorno seguente è stato dedicato prevalentemente alle escursioni.
Ci siamo affidati ad un’ agenzia locale, la Polar adventures, che ci ha permesso di fare due escursioni nell’arco di una giornata:

  1.  La mattina è stata dedicata ad una crociera sui fiordi della durata di 6h circa al costo 1250 NOK un equivalente di € 106. Oltre a vedere meravigliosi paesaggi, ci ha dato la possibilità di scoprire la sua fauna artica.
  2. Al tramonto, visita in una piccola Comunità Sami. La guida ci ha portato nella sua tenda per raccontarci la loro vita e cultura, terminando la giornata con un fantastico giro sulle renne al costo di 1695 NOK, un equivalente di € 144.

Il terzo giorno è cominciato con la visita della città, iniziando prima dalla chiesa artica, Ishavskatedralen, per poi attraversare il ponte di Bruvegen Bridge che divide la città. La visita è continuata verso la cattedrale di Tromso,  di culto protestante, costruita completamente in legno. Infine siamo andati a visitare l’acquario di Polaria, un’attrazione che attira soprattutto le famiglie, ma una visita la merita assolutamente. Terminato il tour cittadino, che si può fare traquillamente in poche ore, con la macchina a noleggio, abbiamo fatto un lungo giro tra villaggi e fiordi .

Cosa abbiamo visto

Partendo da Tromso abbiamo visitato: l’isola di Håkøya per passare a Kaldfjord e poi a Ersfjordbotn, dove si può ammirare un splendido tramonto, fino ad arrivare sull’isola di Hillesøya dove da qui e per tutto il viaggio di ritorno siamo stati accompagnati da una splendida aurora, tanto che rendeva difficoltoso guidare quanto fosse bella. La giornata non poteva concludersi in maniera più meravigliosa.

Costi del volo

Prenotando con un largo anticipo di 5/6 mesi il volo con Lufthansa da Torino facendo scalo a Franco Forte per arrivare a Tromso è costato circa 180 euro a/r. Il prezzo del biglietto comprendeva un bagaglio a mano, ma abbiamo aggiunto un totale di € 40 per un bagaglio in stiva, poiché abbiamo deciso, per risparmiare, di portarci un pò di spesa dall’Italia.

Dove alloggiare 

I prezzi della Norvegia non sono economici, ma questo lo sappiamo, Noi ci siamo affidati ad Airbnb al costo di € 130 a persona per tre notti.

Come mi vesto?

Siamo partiti a Marzo, lì è pieno inverno, abbiamo trovato temperature molto rigide, max -10 / min -20, tenete più parti del corpo coperte con guanti, sciarpe, scaldacollo e cappello sono d’obbligo. A questo aggiungete pure del materiale termico preso da Decathlon, dai calzettoni invernali, maglia termica, calzamaglia e scarponcini tecnici, oltre a qualche buon maglione di lana.

Escursioni

Partono da un prezzo base che varia dai € 120 ai € 150 a persona. Noi ci siamo affidati all’agenzia Polari Adventures. Sicuramente non sarà un viaggio low cost, ma credo che sia da fare almeno una volta nella vita.

Consigli utili 

Atterrati all’aeroporto di Tromso abbiamo noleggiato due macchine tramite l’agenzia noleggi Hertz al costo di € 80 a testa. Viaggiate in gruppo per abbattere i costi, dividendo la spesa della casa e della macchina, vi permetterà di usufruire di più comodità. Sfruttate la cucina della casa per pranzi e cene, i pub e i ristoranti sono molto cari. il periodo migliore per vedere l’aurora boreale va da metà settembre a fine marzo, quando a Tromso è buio per molte ore. In genere il momento degli equinozi di autunno e primavera regalano le aurore boreali più intense. Anche se non appartiene all’Unione Europea, dal 2001 la Norvegia aderisce agli accordi sottoscritti dal Trattato di Schengen: per entrare nel Paese sono sufficienti un passaporto o una carta d’identità valida per l’espatrio che devono restare in corso di validità per tutto il periodo di permanenza nel Paese.

Attenzione: mettete sempre in conto  l’incognita meteo, perché non è detto che si possa vedere l’Aurora Boreale a causa delle tempeste improvvise, che possono generarsi nel periodo invernale,  causando blocchi stradali che potrebbero incidere sui vostri giorni di viaggio.  La natura ha le sue regole e non è dato saperle con preciso anticipo, ma anche questo, fa parte dell’avventura.

Un ringraziamento speciale va ai miei amici che mi hanno accompagnato in quest’ avventura, sei ragazzi di regioni diverse d’Italia, molti fra noi non si conoscevano, e abbiamo stretto un legame forte, chiamato amicizia, sotto il cielo dell’ Aurora Boreale … Grazie a: Rosa, Giovanni, Alessio, Tosca e Davide.

Scritto da Paolo Giusiano

Grazie a te Paolo per aver condiviso con noi di viaggioltreillimite e i nostri lettori la tua avventura Low Cost a Tromso. Viaggiare verso l’Aurora Boreale è fattibile anche per chi ama adattarsi senza spendere grandi cifre, perché il mondo è per tutti.

Ah dimenticavo…l’AURORA BOREALE è GRATIS!!!

TI POTREBBERO PIACERE